Violino Olistico - Sito ufficiale di Michele Tisei - Violinista e didatta.

Vai ai contenuti
Didattica

Il Violino olistico


Lo studio del violino deve avere come scopo il completo controllo psico-fisico.

Per ottenere ciò l’allievo dovrà conoscere profondamente il funzionamento del cervello nel riconoscimento dell’informazione data dal contatto.

Questo vale per risolvere tutte le problematiche legate a questo complessissimo strumento:

intonazione, automatismi, equilibrio, movimenti compensatori, contatto, fraseggio, coordinazione, concentrazione, controllo della forza e del peso, tenuta dello strumento, tensione e distensione, timing di tecnica e musica, etc…

Per far sì che la tecnica coincida con la musica si deve possedere una visione olistica  e una presenza mentale finalizzata.

Il maestro lavorerà sulle problematiche del singolo allievo senza però snaturarne l’intima natura.

Questo metodo è chiamato "Violino olistico".


Il segreto dell 'Arte
consiste nell ' usare dell 'agire
per giungere al  non-agire


Torna ai contenuti